Datteri, fonte di potassio, utili al sistema cardiovascolare

I datteri, grazie all’alto contenuto di zuccheri costituiscono un importante alimento in particolare per i popoli Arabi Nord Africani. La maggior parte dei datteri viene fatta essiccare al sole così da averne la disponibilità durante tutto l’anno.

I datteri secchi sono composti per il 20,50% da acqua, per 63% da zuccheri, 8% da fibre alimentari, proteine, ceneri e pochi grassi; tra i minerali il potassio che è presente in abbondanza, il magnesio, fosforo, selenio, calcio, sodio.

datteri freschi

Datteri

Contengono in piccola percentuale anche zinco, rame, manganese e ferro. Le vitamine presenti nei datteri sono: vitamina A, vitamine B1, B2, B3, B5, B6, vitamine K e J.

Inoltre, sono presenti in piccole dosi anche vitamina C ed E. Tra le vitamine del gruppo B, è presente anche l’acido folico, prezioso alleato delle ossa e lo sviluppo del feto durante la gravidanza.

Gli zuccheri contenuti si dividono invece in destrosio, fruttosio, maltosio e saccarosio. Le calorie fornite da 100 grammi di datteri secchi sono 282, mentre per i datteri freschi si scende a 142 calorie per 100 grammi.

I datteri freschi sono senza dubbio i più salutari , dalla forma liscia e cilindrica e dalla polpa carnosa, con una percentuale vitaminica più alta rispetto a quella dei frutti secchi; per questo motivo possono essere consumati tutto l’anno come la frutta più comune.

Sono ricchi di potassio – ne contengono addirittura più delle banane ed aiutano a riequilibrare il livello di liquidi nell’organismo e contribuiscono a mantenere sano il funzionamento del sistema cardiovascolare; la presenza di fosforo viene invece in aiuto alle nostre funzioni celebrali.

E i benefici arrivano anche per la pelle; i datteri aiutano a sfiammare gli sfoghi del derma tipici dell’acne giovanile e a mantenere sotto controllo gli eccessi di sebo. Inoltre, aiutano a rafforzare le pareti dell’intestino e a prevenire problemi legati alla digestione.