Obesità: la cura con la Chirurgia Bariatrica

L’obesità è una malattia molto diffusa. In Italia purtroppo oltre 4 milioni di persone sono obese e circa il 20% dei bambini in età scolare. Si parla di obesità quando l’indice di massa corporea di una persona (il valore che si ottiene dividendo il peso in kg per l’altezza in metri elevata al quadrato) supera il valore di 30.

L’obesità rappresenta inoltre un importante fattore di rischio di malattie come diabete, malattie cardiovascolari, malattie dello scheletro, e insorgenza di tumori.

Le Cause

In alcuni situazione l’obesità può essere dipesa da alterazioni ormonali e metaboliche. La maggior parte dei casi di obesità è favorita da eccessi alimentari o da un’alimentazione sbagliata:

  • Assunzione di una quantità maggiore di calorie rispetto al reale fabbisogno;
  • Vita troppo sedentaria;
  • Disturbi del metabolismo;
  • Ereditarietà;
  • Alimentazione ed abitudini errate;
  • Fattori psicologici.

Le cure

Esistono due tipi di cure per l’obesità: la cura naturale e la cura chirurgica. La cura naturale dell’obesità si basa su una sana alimentazione e sul cambiamento dello stile di vita (aumento dell’attività motoria e quindi del dispendio calorico).

Invece La chirurgia è consigliata alle persone con forme di obesità grave.

La chirurgia

La chirurgia è la cura per l’obesità più efficace e, oltre al calo di peso in tempi molto veloci, offre anche il miglioramento o la scomparsa addirittura di molte patologie che sono dovute all’aumento di peso come il diabete, ipertensione arteriosa, apnee notturne, steatosi epatica,dislipidemie, artropatie, reflusso gastroesofageo.

Gli interventi chirurgici sono molto meno invasivi del passato e con le nuove tecniche laparoscopiche e quelle robotiche, operarsi non è più un problema. In Italia vengono eseguiti interventi di questo tipo su 20/30.000 pazienti all’anno, e sono numeri in forte crescita. Lo scopo della chirurgia bariatrica è di ridurre il rischio di malattia o morte dovuta all’obesità.

La degenza media per questi interventi è di 1/2 notti nei centri specializzati.

Chi la può fare

La chirurgia bariatrica viene utilizzata per la perdita di peso in pazienti obesi nei seguenti casi:

  • con un indice di massa corporea maggiore di 40;
  • con indice di massa corporea più alto di 35 se sono presenti altre malattie;
  • chi non è riuscito a perdere peso con dieta ed esercizio fisico.

Tipologie di chirurgia

Gli interventi chirurgici più utilizzati sono: bendaggio gastrico, gastrectomia verticale a manica (comunemente conosciuta come ‘riduzione dello stomaco’) e bypass gastrico.

La durata dell’ intervento dipende dal tipo scelto. I tempi sono più rapidi quelli con bendaggio gastrico e gastrorestrittivo, interventi che possono durare dai 40 ai 60 minuti. Il bypass gastrico invece può durare anche 2 o 3 ore nei casi più difficili.

Bendaggio gastrico

È un intervento gastrorestrittivo: consiste nell’inserire un anello in silicone di ampiezza regolabile creando una specie di tasca che riduce il volume dello stomaco. Diminuisce l’appetito poichè aumenta la sensazione di sazietà.

Vantaggi

  • è reversibile, l’anello può essere tolto in qualsiasi momento senza creare vari scompensi;
  • si esegue in laparoscopia ed è perciò poco invasivo;
  • consente di perdere circa il 50% del peso in eccesso.

Svantaggi

  • nella fase di mantenimento sarà necessaria una dieta sana e palestra;
  • possibili effetti collaterali come reflusso gastroesofageo.

Riduzione dello stomaco

È un intervento gastrorestrittivo nel quale viene rimossa una grossa parte dello stomaco (si parla più del 75%). Con uno stomaco più piccolo il paziente avrà un senso di sazietà maggiore.

Vantaggi

  • si può perdere circa il 60% del peso in eccesso (con minimo rischio di recuperare i chili persi 20-30%);
  • rischio minimo di ulcera;
  • rischio minimo di occlusione intestinale, osteoporosi, anemia, deficit proteico e vitaminico;
  • può essere eseguita per via laparoscopica anche nei grandi obesi;
  • negli obesi gravi (con un’indice di massa corporea superiore a 50-60) è utile per potersi poi sottoporre al bendaggio o al bypass gastrico.

Svantaggi

  • è irreversibile;
  • bisogna cambiare lo stile di vita per mantenere i risultati;
  • sono possibili effetti collaterali anche gravi, come le fistole gastriche.

Bypass gastrico

È un intervento malassorbitivo misto, che modifica il tratto gastrointestinale e riduce la quantita di cibo che viene assimilato. Diminuisce fino al 90% l’ampiezza della parte di stomaco, che viene collegata all’intestino saltando proprio un tratto dove avviene l’assorbimento dei nutrienti.

Vantaggi

  • si può anche perdere circa il 70% del peso in eccesso;
  • il risultato si mantiene nel tempo senza veri e propri problemi;
  • si riesce a risolve il diabete di tipo 2 e spesso anche altre malattie dovute all’obesità, come ipertensione o apnee notturne;
  • lo stomaco non viene tolto e quindi la produzione di ormoni gastrici rimane normale.

Svantaggi

  • è irreversibile, anche se lo stomaco resta in condizioni normali;
  • sono necessari integratori di ferro, calcio e vitamine perché l’assorbimento di nutrienti si riduce;
  • sono più frequenti le complicazioni post-intervento.

Risultati attesi e rischi

I risultati della chirurgia bariatrica sono immediati, e il paziente comincerá subito a vedere la perdita di peso dopo 1-2 giorni.

I rischi principali possono essere dei gonfiori dovuti a cicatrici che hanno preso infezione, oppure anche sintomi di nausea che possono portare anche a sensazioni di vomito.

Esistono poi delle complicanze più tardive che sono legate al mancato rispetto si alcune raccomandazioni che il paziente durante il periodo di follow up rice dal chirurgo, dal nutrizionista e dallo psicologo. Se il paziente continua a fumare, c’è un maggiore rischio di ulcera; se il paziente non esercita una regolare attività fisica, ci possono essere anche problemi a livello vascolare.

Se il paziente collabora veramente (ed è questa a volte la cosa più difficile da raggiungere) i risultati possono essere davvero ottimali. anche perchè l’ntervento chirurgico da solo non può risolvere il tutto. Chiunque si sottopone a chirurgia dell’obesità dovrà poi tornare per visite di controllo programmate dal Centro: i controlli sono infatti importanti per migliorare i risultati ottenuti

Dopo l’intervento

Nella maggior parte dei casi il paziente dovrà fare una dieta liquida all’inizio, che comprende alimenti come brodo o succhi di frutta diluiti, e semi-solida in seguito per un periodo indicato dal medico, oltre al riposo per alcuni giorni.

Queste diete sono adottate fino al recupero completo del tratto gastrointestinale dall’operazione. Cercare di non assumere farmaci anti-infiammatori per non creare problemi allo stomaco e se necessario associate una gastro protezione.

Inoltre sarà bene impegnarsi nel fare una idonea attività fisica per tonificare la muscolatura come il medico darà il consenso. Infine, le donne dovranno evitare di restare incinte nei successivi 2 anni, poichè ci possono essere complicanze per la crescita del bambino.

Vantaggi della Chirurgia

I vantaggi della chirurgia bariatrica si possono riassumere nei seguenti punti:

  • perdita di peso molto velocemente;
  • alcuni interventi sono reversibili;
  • diminuiscono i rischi di malattie legate all’obesitá;
  • l’autostima del paziente aumenta e la voglia di continuare aumenta.