Conservazione della fertilità per il cancro al seno

Una diagnosi di cancro al seno può portare a molte cose … dolore emotivo, disagio fisico e, per le donne in età fertile, la paura di perdere la loro fertilità. Per fortuna, i progressi nel trattamento del cancro stanno consentendo a più donne che mai di sopravvivere e prosperare di fronte alla loro diagnosi. I progressi nella tecnologia riproduttiva, in particolare, offrono opzioni efficaci di conservazione della fertilità ai pazienti affetti da cancro al seno, dando loro l’opportunità di rendere i bambini parte del loro luminoso futuro.

Alcune terapie migliorano le probabilità di sopravvivenza del cancro ma hanno effetti collaterali che includono la perdita di fertilità e menopausa. Il giusto piano di trattamento può aiutare ad aggirare questi ostacoli nella futura procreazione di bambini.

Rischi per l’infertilità per i pazienti con cancro al seno

Ci sono molti fattori coinvolti nel determinare il rischio di infertilità dopo il trattamento del cancro, come l’età, il tipo di trattamento e il potenziale di fertilità sottostante. Se il cancro è curabile solo con la chirurgia, non vi è alcun rischio di infertilità (correlata alla diagnosi del cancro). Sebbene la chirurgia è priva di radiazioni, potrebbe comunque avere qualche effetto sulla fertilità. Esiste invece una chiara correlazione tra chemioterapia e potenziale perdita di fertilità.

La chemioterapia può avere un impatto sulla qualità delle uova, influire sulla riserva ovarica e anche portare a una insufficienza ovarica prematura o a una menopausa precoce.

L’insufficienza ovarica è simile alla menopausa in quanto le ovaie smettono di produrre uova e le mestruazioni si fermano. Alcune donne scoprono che le loro ovaie hanno ripreso a funzionare, dopo un certo periodo di tempo, tuttavia, le donne anziane o coloro che hanno avuto dosi più elevate di chemioterapia potrebbero non riprendere mai la funzione ovarica.

Opzioni di conservazione della fertilità pre-cancro

Se sei malata di cancro al seno e speri di avere figli un giorno, informati bene sulle opzioni di conservazione della fertilità. E’ uno dei migliori passi che puoi intraprendere per mantenere il controllo del tuo futuro. Il tuo ginecologo specialista in fecondazione assistita potrà aiutarti a stabilire quale sia la scelta giusta per te.

La fecondazione in vitro e la banca degli embrioni: la banca degli embrioni è la forma più consolidata di conservazione della fertilità ed è un’opzione meravigliosa per le donne con un partner maschile o per coloro che sono interessati a utilizzare lo sperma del donatore. La fecondazione in vitro ed il congelamento dell’embrione comportano entrambe la stimolazione delle ovaie per produrre più uova, per poi combinare le uova con lo sperma in laboratorio e congelando gli embrioni risultanti. Il processo avviene da due a quattro settimane, quindi sarebbe preferibile, per le donne che possono, ritardare la chemioterapia del cancro per il tempo necessario. Gli embrioni verranno impiantati dopo il trattamento e il recupero per il cancro.

Egg Banking: il processo per depositare le uova è simile a quello per la banca dell’embrione in quanto implica la stessa stimolazione ovarica per produrre più uova. Le uova vengono recuperate dalle ovaie e poi congelate senza essere fecondate; saranno fecondate in un secondo momento e gli embrioni risultanti verranno impiantati al termine della chemioterapia o comunque dopo la completa guarigione dal cancro.

Banca del Tessuto ovarico: questa è un’opzione per le donne che non possono ritardare in modo sicuro il trattamento del cancro abbastanza a lungo da sottoporsi al congelamento dell’embrione o dell’uovo. La laparoscopia, una procedura chirurgica minore, viene utilizzata per rimuovere un’ovaia. La corteccia, o superficie esterna, contiene le uova; viene rimosso e congelato in strisce per un uso successivo. Le donne che hanno avuto alcuni tipi di cancro possono quindi avere il tessuto scongelato e trapiantato.

fecondazione

Opzioni di conservazione della fertilità post-cancro

Se possibile, è meglio consultare un endocrinologo della riproduzione prima di sottoporsi alla terapia del cancro. Tuttavia, per alcune donne questo non è possibile. La buona notizia è che ci sono opzioni per far crescere la tua famiglia dopo aver completato il trattamento per il cancro. Non sembra che la gravidanza dopo il cancro accresca il rischio di recidiva del cancro stesso, né i bambini nati da sopravvissuti al cancro sembrano essere a maggior rischio di difetti alla nascita. I ricercatori continuano a raccogliere più dati, ma le informazioni disponibili fino ad oggi sono rassicuranti.

Dopo il trattamento del cancro, le tradizionali tecnologie di riproduzione assistita, tra cui l’iperstimolazione ovarica controllata, l’IUI (Inseminazione intrauterina) e la fecondazione in vitro, possono essere una via percorribile per alcuni pazienti.

La donazione di ovociti è una scelta eccellente per le donne la cui terapia del cancro le ha indotte a entrare in menopausa. Una donatrice di uova nota o anonima verrebbe sottoposta a una stimolazione ovarica. Le sue uova verrebbero fecondate dallo sperma del partner maschile della coppia e gli embrioni risultanti verrebbero stati impiantati nella paziente.

Ora più che mai, i pazienti che si sottopongono a trattamenti per il cancro che mettono a rischio la fertilità e sopravvivono alla loro malattia, non vedono l’ora che arrivi il futuro. Costruire una famiglia è spesso una parte molto importante di quel futuro.