Terapia di Coppia quando è ora di Tentarla

Quando le incomprensioni, i litigi aumentano, quando la coppia non è piú felice come un tempo potrebbe essere l’ora buona per pensare ad una terapia psicologica da affrontare in due.

E’ comune nel matrimonio che un partner sia infelice, disconnesso o che i propri bisogni di intimità non vengano soddisfatti.

Ma piuttosto che comunicarlo, quel partner può aprire una finestra metaforica con qualcun altro e iniziare una relazione. Ha inizio il classico tradimento.

Quando la coppia arriva in terapia, la stessa relazione diventa l’argomento principale e le sue cause sottostanti vengono spesso ignorate.

Lo stesso scenario suona vero per altre fonti di contesa, dai disaccordi finanziari alle preoccupazioni sessuali. È chiaro che le coppie non dovrebbero aspettare fino a quando non sono in modalità crisi per venire in terapia, ma cosa dovrebbero fare?

Quando è il momento giusto per vedere un terapeuta di coppia?

Le coppie dovrebbero cercare la terapia molto prima di pensare di aver bisogno di farlo“, afferma Claudia De Masi, psicologa di coppia specializzata in terapia breve strategica.

La maggior parte dei problemi all’interno di una coppia iniziano in piccolo e poi crescono fino a quando non vengono risolti. È qui che la terapia può aiutare, fornendo strumenti e tecniche per migliorare la risoluzione dei conflitti.

Invece di vedere la terapia come la soluzione di una crisi, bisogna guardarla come un aspetto integrale di una vita sana. Ogni coppia dovrebbe prendere misure preventive per mantenere la salute nella propria relazione, proprio come si fa quando si va in palestra.

Se le coppie non lavorano i loro “muscoli”relazionali ed emotivi, diventano poco tonici, deboli e creano più possibilità di danneggiare la relazione.

Cosa succede durante la terapia di coppia

Sebbene ogni terapeuta sia diverso, ci sono alcuni punti in comune. La prima sessione in genere prevede che il terapeuta vi conosca, discutendo le aree della relazione che si spera di migliorare e si fissano gli obiettivi.

Alcuni, ma non tutti, i terapeuti assegneranno i compiti per le coppie su cui lavorare prima della prossima sessione.

Gli psicologi ad ogni modo non sono arbitri. Non possono, e non vogliono, decidere chi di voi ha ragione . Il loro compito è quello di identificare i modelli in cui voi ed il vostro partner vi impegnate, e quindi è li’ per aiutarvi a cambiarli, rispondendo con gentilezza a ciò di cui avete veramente bisogno. Tutto ciò che si presenta ripetutamente come stress o blocco nella relazione è un modello che può essere affrontato.

Quali problemi possono trarre beneficio dalla terapia di coppia

Le coppie vanno in terapia per una serie di motivi, oltre all’infedeltà, i problemi più importanti includono il sesso, la comunicazione, l’educazione dei figli, la gestione dei soldi e i grandi cambiamenti che si presentano nella vita di famiglia.

La terapia può fornire uno spazio sicuro per parlare di argomenti delicati come il sesso. Proprio come le persone possono rimanere intrappolate in un ciclo relazionale negativo, le coppie possono spesso rimanere bloccate in un ciclo sessuale negativo.

Lo psicologo esplora quali blocchi esistono tra i partner e tenta di portarli alla luce. Anche la comunicazione è una grande preoccupazione per le coppie. Ma semplicemente parlare di più non è la risposta.

C’è la comunicazione e poi c’è la comunicazione efficace. Entrambe le parti devono sentirsi ascoltate, calmate, rispettate e curate. Si analizzano i vecchi schemi di comunicazione e poi si sostituiscono con quelli fattibili e più efficaci. Tutti sono elaborati in collaborazione con la coppia e nel contesto della loro vita quotidiana.

Si potrebbe anche prendere in considerazione la terapia di coppia come aiuto nel supporto di maggiore cambiamento di vita e transizione. Sposarsi, diventare genitori per la prima volta, trasferirsi, cambiare lavoro, perdere lavoro, occuparsi di relazioni extraconiugali, riprendersi dalla dipendenza, prendersi cura dei genitori anziani – tutte queste transizioni possono destabilizzare l’equilibrio di una coppia.

La terapia offre alle coppie l’opportunità di negoziare queste transizioni con il minor disturbo possibile e di esplorare e onorare il significato di una particolare transizione per ciascun partner.”

La terapia consente alle coppie di parlare attraverso i loro sentimenti e articolare come la loro relazione potrebbe non soddisfare le loro aspettative.
Il più delle volte, c’è un terreno comune che potrebbe aver permesso loro di essere nella relazione. Il sentirsi bloccati può cambiare se entrambe le parti sono disposte a scendere a compromessi in modo tale da soddisfare i bisogni individuali.

Cosa succede se un partner si rifiuta di andare in terapia

Questo è uno scenario abbastanza comune nella terapia di coppia. Il modo in cui lo approcci può fare la differenza.

Parla apertamente con il tuo partner del motivo per cui ti senti di voler iniziare la terapia di coppia. Non limitarti ad aggredirlo insistendo di andare.

Se un partner è titubante ricorda che puoi seguire la terapia da solo. Il partner titubante può rimanere colpito da eventuali cambiamenti positivi e, dopo tutto, decidere di proseguire la terapia insieme a te.